Maribel Verdu: ¡Que cara dura!

Maribel Verdu (non so quanti la conoscano fuori dai confini spagnoli, ma questo non importa) ha vinto il Premio Goya (premio che assegna ogni anno l’Accademia del cinena spagnolo e che gli spagnoli si ostinano a considerare come il corrispondente degli Oscar, sigh) alla miglior attrice protagonista e ha approfittato- con una grandissima faccia tosta- per “fare protesta” contro i tagli (dovuti alla crisi) del governo spagnolo dedicando il premio a

“toda esa gente que ha perdido sus casas, sus ilusiones, sus esperanzas incluso sus vidas por culpa de un sistema quebrado, injusto, obsoleto, que permite robar a los pobres para dárselo a los ricos”

scordando molto opportunamente che proprio lei ha contribuito a far prosperare le ipoteche a vergognose condizioni che le banche spagnole hanno “venduto” ai propri correntisti.
All’epoca, non lontana, in cui incassava bei cachet per l’annuncio pubblicitario che vi propongo più sotto non si è minimamente preoccupata delle possibili conseguenze che annunci fraudolenti come il suo avrebbero causato… ¿ a que no?
All’epoca tutto quello che le interessava era il compenso economico che le veniva in tasca (e chi se ne frega delle conseguenze) oggi fa la scandalizzata e la “compassionevole”.
Che faccia tosta!!!
¡¡¡Que cara dura!!!

Annunci