Ahimè povera Italia, io la conoscevo bene.

Leggo e semplicemente inorridisco.

Si, perchè che altro si può fare se non inorridire leggendo che quello che a tutti gli effetti è un pregiudicato salirà al Colle per le consultazioni e, per giunta, pensa di “parlare con il Presidente da pari a pari” ?

Un pregiudicato? Davvero siamo ridotti così male? Davvero pensa di potersi confrontare da pari a pari col Presidente della Repubblica?

E il peggio è che glielo lasceranno fare!

Scusate, devo scappare, ho un improvviso attacco di vomito e non vorrei farlo sulla tastiera, anche se quella almeno potrei pulirla, l’Italia invece a quanto pare è impossibile… pulirla (o ripulirla se preferite).

Annunci

2 commenti su “Ahimè povera Italia, io la conoscevo bene.

  1. l’Italia è un paese anomalo, un paese dove chi è stato condannato non solo siede in Parlamento, ma addirittura continua a fare il capo di un partito di opposizione, invece di scontare la pena prescrittagli, carcere o servizi sociali che siano, neanche nei paesi c.d. “sottosviluppati” succede questo, una specie di “Repubblica delle banane”; magari ce lo ritroviamo anche alle prossime elezioni e chissà forse pure come presidente del consiglio; però forse la colpa di tutto questo è un po’ anche degli italiani……o no?! (magari non di tutti…)

    Mi piace

I commenti sono chiusi.