Giornata mondiale della poesia e allora…

perchè non-senza alcuna falsa modestia, qualcosa di mio?

sinceramente non ricordo se l’ho già messa in blog, ma la trovo perfetta per lo stato d’animo e il “momento”

EVANESCENZE

Sei giunto nel cuore della notte :
nulla più che un sorriso evanescente,
in silenzio ti siedi
allunghi le gambe al fuoco,
guardi affascinato le fiamme
disegnare intricati arabeschi,
non una parola dalle tue labbra mute.

Mi siedo ai tuoi piedi,
tu ammiri le fiamme
io scruto il tuo viso,
mi perdo nei tuoi occhi,
so che non ti piace,
non so resistere al loro fuoco:
sei un sogno nella mia mente.

Annunci