Luci natalizie a Busto

luci-busto_01

luci-busto_02

Annunci

A volte serve

Chi mi conosce sa che non sono patita della tecnologia “perchè si”, solo perchè un qualcosa esiste non è assolutamente obbligatorio usarla, è altrettanto vero però che a volte è-o può essere- utile e allora  perchè “lascirla nel cassetto”?

Prendiamo, ad esempio, il mio bar preferito (Il Duetto a Busto Arsizio),
Duetto-tecnologia
è grande e con l’arrivo del bel tempo ha un’ampia zona esterna a tavolini sempre super affollati, così magari capita che l’ordinazione sia pronta, ma il personale all’esterno non se ne accorga subito.

Cose che capitano, non casca mica il mondo se si aspetta qualche minuto in più (in fondo sei seduto al bar, no?  in fondo sei li per prenderti una pausa in tutto relax, giusto?), ma i clienti, purtroppo, non sempre hanno la pazienza e l’intelligenza di capire.

E allora… via alla tecnologia e da qualche giorno il personale del duetto è “microfonato”, fa un po’ “guardie del corpo”, ma funziona

 

Un paio di cose su Tolkien… e dintorni

Innanzi tutto una news lettararia, o meglio editoriale grazie a Tolien Italia Network (la rete italiana fra le associazioni culturali e i gruppi d’aggregazione che si occupano di organizzazione eventi e di divulgazione dell’opera di J.R.R. Tolkien di cui mi ripropongo di parlare meglio in seguito), vale a dire la news che

è disponibile anche la nuova edizione di The Adventures of Tom Bombadil, a cura di Wayne Hammond e Christina Scull. Ve ne avevamo già parlato nella nostra rassegna sulle edizioni Harper Collins per tutto l’anno 2014; quello di cui non vi avevamo detto nulla, invece, era la probabile (ma ancora ignota, fino a pochi giorni fa) nuova edizione di The Smith of Wootton Major, a cura di Verlyn Flieger, che aspettiamo a fine febbraio 2015.
(news a firma: Gabriele Marconi)

Io, pur avendo già entrambe i libri, un pensierino ce lo sto facendo.
L’altra “cosetta” riguarda indirettamente il mondo di Tolkien, da cui quel “e dintorni” del titolo, ma è un indirettamente di peso, infatti l’Huffington Post pubblica la notizia che nella città olandese di Geldrop

The north part of the neighborhood has the Gondorian streets, like Boromir and Aragorn. The Dwarf zone has streets like Balin and Dori. There’s a Rohan section where you’ll find Éowyn and Éomer, and the Elven streets include Legolas and Galadriel

Una visitina all’articolo vi permetterà di esplorare meglio questo “angolo” di Terra di Mezzo… nel mondo primario (leggi: il nostro), pensate che c’è ersino un asilo il cui nome è Lo Hobbit, carino vero?