Basta Trump! Oggi combattiamo! (This day we fight)

La sola idea che nello Studio Ovale sieda una persona così chiaramente pericolosa come il cosidetto presidente degli USA (per me, e non solo per me, è affetto da evidente Sindrome da Personalità Narcisistica) fa accapponare la pelle; è un uomo estemamente pericoloso, non solo per gli USA, ma per tutto il mondo: dietro ogni sua azione, dietro ogni sua parola aleggia lo spettro del nazismo e chi dice il contrario è in malafede!
Settanta anni fa il Mondo restò a guardare e sappiamo bene com’è finita, non possiamo permettere che accada di nuovo, di Hitler ne è bastato uno, un secondo (per giunta armato di arsenale nucleare) sarebbe decisamente troppo!
E non crediate che solo perchè accade oltre oceano non ci tocchi, non crediate che si tratti solo di una fase passeggera perchè non passerà a meno che qualcuno non lo fermi… ma il Congresso non sembra intenzionato a farlo anche se gli statunitensi lo chiedono a gran voce.
A chi tocca allora?
Ovviamente ad ogni essere umano degno di tal nome, in altre parole a noi “persone comuni” a qualunque nazione, etnia, credo politico, religione apparteniamo: abbiamo il dovere sociale e morale di farlo!!!
Trump è un nazista a tutti gli effetti che sta tentando con molto impegno (e purtroppo a volte ci riesce) di sopprimere ogni diritto civile negli USA (e se gli va bene poi sarà la volta del resto del mondo), ogni libertà, ogni voce che “osa” dissentire in qualsiasi modo da ciò che lui afferma essere la realtà (non lo è ovviamente, ma ho già detto che per me ha gravi problemi mentali)va assolutamente fermato!!!
Oggi faccio mio il discorso di Aragorn al Pelennor e come lui affermo…

Figli di Gondor, di Rohan, fratelli miei! Vedo nei vostri occhi la stessa paura che potrebbe afferrare il mio cuore! Ci sarà un giorno, in cui il coraggio degli uomini cederà, e abbandoneremo ogni legame di fratellanza, ma non è questo il giorno!
Ci sarà l’ora dei lupi, e degli scudi frantumati, quando l’era degli uomini arriverà al crollo, ma non è questo il giorno! Quest’oggi combattiamo, per tutto ciò che ritenete caro in questa bella terra, io vi invito a resistere uomini dell’Ovest!

Sons of Gondor, of Rohan, my brothers, I see in your eyes the same fear that would take the heart of me. A day may come when the courage of men fails, when we forsake our friendsand break all bonds of fellowship, but it is not this day.
An hour of wolves and shattered shields, when the age of men comes crashing down, but it is not this day! This day we fight!! By all that you hold dear on this good Earth,I bid you stand, Men of the West!!!

Annunci
Video

“America First”? Ecco una degna risposta.

Il “cosidetto” presidente degli USA (mi rifiuto di dire America visto che il continente americano di stati ne ha un fracco e una sporta… ma si sa la “loro”-degli statunitentsi intendo- boria è quasi infinita) sta imperversando con una tale serie di idiozie- purtroppo non solo verbali- e di “fake news” che spaccia per (parole sue) “fatti alternativi” che mi è impossibile tacere oltre.
Non intendo sprecare troppe parole in merito per cui vi lascio il video realizzato da Casa Surace, l’unica pecca sta nel fatto che il “cosidetto” presidente non ne capirà assolutamente l’ironia, ma noi si per cui godiamocelo

PS. E’ proprio vero: la madre dei cretini è sempre incinta e quel “coso” che gli statunitensi si sono scelti per presidente ne è l’ennesima riprova.

Domanda leggittima:

Ma Salvini lo pagano a numero di “corbellerie” che dice?

“È urgente bloccare l’invasione, altrimenti gli italiani saranno costretti a farsi giustizia da soli. Da oggi si accolgano solo donne e bambini, gli uomini si respingano: tutti a casa loro”

il giornale

USA, se li conosci li eviti: la CIA vietò l’Oscar a don Camillo!!

Dagli archivi della CIA (si, proprio la CIA) resi recentemente disponibili per la consultazione (dopo decenni ) salta fuori un’ennesima storia di chiusura mentale e folle paranoia…che negli USA sembrano essere la norma.
Nel 1953 la CIA, che non brilla certo per intelligenza, vietò all’epoca la candidatura agli Oscar del don Camillo cinematografico perchè ritenuto “eccessivamente disinistra”, pare infatti che i rapporti tra parroco (don Camillo) e sindaco (Peppone) fossero troppo buoni (al punto che nella versione uscita in USA furono tagliate le scene in cui Peppone faceva bella figura) e tra i due ci fosse eccessiva stima (si si, litigavano, ma poi finivano per bersi insieme un be bicchiere di vino) e questo la CIA non poteva assolutamente permetterlo.

Ribadisco dunque: USA, se li conosci li eviti!!!

Se quello che ho scritto vi lascia increduli e sbigottiti (com’è successo a me) date un’occhiata:
la Repubblica
il sussidiario.net
la Stampa

“Italicum”: vediamola un po’

-PREMIO MAGGIORANZA – l’Italicum è un proporzionale che assegna un premio di maggioranza (340 seggi su 630) alla lista che supera il 40%. Se nessun partito raggiunge tale percentuale, si svolge un secondo turno tra i due partiti più votati, per l’assegnazione del premio. I partiti perdenti si ripartiscono i 290 seggi rimanenti sulla base della percentuale di voti.

Bello, ma il rischio (altamentente reale) è annullare completamente l’opposizione… e se il partito all governo combina idiozie (o peggio) come si fa a fermarlo?

-SBARRAMENTO AL 3% – entrano alla Camera tutti i partiti che abbiano superato il 3%.

Tutto sommato si, dai, un limite ci vuole.

-100 COLLEGI: l’assegnazione dei seggi della Camera avviene proiettando le percentuali dei partiti ottenuti a livello nazionale su 100 collegi, in ognuno dei quali sono eletti 6-7 deputati.

Qualche dubbio su come poi funzionerà la cosa ce l’ho.

-PREFERENZE E CAPILISTA – Nei 100 collegi ciascun partito presenta una lista di 6-7 candidati: il capolista è bloccato (cioè è eletto automaticamente se scatta il seggio) mentre le preferenze valgono solo per gli altri candidati.

Non è che mi piaccia molto il capolista bloccato, ma in fondo è logico.

-VOTO DI GENERE – sono possibili due preferenze, purché la seconda sia di genere diverso dalla prima. Se le due preferenze sono entrambe per candidati dello stesso sesso, la seconda preferenza è annullata.

Ma dico, siamo matti? E se i candidati che preferisco sono dello stesso sesso? La trovo un’indebita ingerenza nella mia libertà di voto. Ingerenza che lo stato non dovrebbe permettersi.

-ALTERNANZA UOMO-DONNA – le liste devono esser composte in modo da alternare un uomo ad una donna. Nell’ambito di ogni circoscrizione (Regione) i capilista di un sesso non devono essere superiori al 60% del totale.

Questa è… semplicemente stupenda: e se non ce ne sono abbastanza di donne candidarte in quella circoscrizione? Che fa un partito, se le inventa? Ridicolo!

-MULTICANDIDATURE – È possibile che un candidato si presenti in più collegi, fino ad un massimo di 10.

Stesso “sconcio” di sempre.

-SCHEDA – La scheda vedrà a fianco del simbolo di ciascun partito il nome del capolista bloccato, e due spazi dove scrivere le due eventuali preferenze.

Chi ha la mia età ha già votato con una scheda similare (il nome del capolista non c’era, lo spazio per e preferenze si), no è sta gran novità.

-TRENTINO ALTO ADIGE / VALLE D’AOSTA – In Trentino Alto Adige e nella Valle d’Aosta si vota con i collegi uninominali, come il Mattarellum.

E già, loro sono a statuto speciale.

-ERASMUS – potranno votare per corrispondenza i cittadini italiani che sono all’estero per almeno tre mesi o per motivi di studio (per esempio l’Erasmus), per lavoro o per cure mediche.

Non ricordo quanto era il tempo prima, mi pare l’abbiano accorciato… ed era ora.

In conclusione? Diciamo che in generale non mi piace, se il Presidente firma avrò comunque tempo (spero) per decidere se mi va o meno di votare con una legge simile.

Grillini: per piacere tornate sui banchi!

Qualcuno, e non importa chi, dovrebbe essere così gentile da rimandare- per il bene loro e dell’Italia- i “grillini” (leggi: parlamentari del M5S ) a scuola.
Leggo nella loro ultima proposta di legge e inorridisco:

Negli ultimi anni, il fenomeno della contraffazione agroalimentare – in cui sono falsificate l’indicazione geografica e la denominazione di origine dei prodotti immessi in commercio – è esploso in maniera significativa e spesso incontrollabile, danneggiando sia i produttori, che si trovano a operare in un mercato, di fatto, sleale, sia i consumatori, che si illudono di consumare prodotti «made in Italy» ignorando l’effettivo contenuto e la reale provenienza di tali prodotti. Un esempio per tutti: la pasta venduta in Italia è prodotta per un terzo con grano saraceno.

Gli scettici possono controllare da se:
PDF Camera dei Deputati

Ora, dato che sono un’anima caritatevole mi pregio di istruire questi signori sul… grano saraceno
Intanto ecco “l’infame colpevole” (lol)
BUCKWHEAT GRAINS IN WOODEN SPOON

a seguire, l’Enciclopedia Treccani informa che:

grano saraceno Nome comune di Fagopyrum esculentum e di Fagopyrum tataricum, della famiglia Poligonacee, erbe annue con ciclo vegetativo molto breve, fusto alto fino a 50 cm, fiori biancastri in copiose infiorescenze compatte, acheni trigoni, di color castano o nerastro (v. fig.). Originario dell’Asia centrale, si coltiva nei paesi freddi, in Italia soprattutto nelle vallate alpine, per gli acheni, che si usano come mangime per animali domestici e per ricavarne una farina grigiastra, nutritiva, ma di mediocre qualità.

da cui si evince che il suddetto è coltivato in Italia e dunque: tornino sui banchi, che è meglio, almeno eviteranno (si spera) il ripetersi di figuracce, di cui sinceramente non mi pare abbiano ulteriore bisogno.

Grillo= spazzatura.

È inutile chiedere a Grillo di vergognarsi e tapparsi una buona volta quella boccaccia capace solo di vomitare insulti e e menzogneper cui non ci perderò il mio tempo, ma posso e voglio dire apertamente che mi fa schifo!

Questo “signore” (è ironico) ogni volta che apre bocca (verbalmente o per iscritto su quel deposito di odio, razzismo e violenza che chiama blog) mi fa venire voglia di vomitare, ma ora, usando la Shoah a suo personale uso e consumo non solo ha passato ogni limite di umana decenza, ma ha pure perso- a mio avviso- il diritto di appartenenza al genere umano!!!

Non mi sento colpevole ne responsabile per l’orrore commesso ai danni degli ebrei durante la II Guerra Mondiale: non ero nemmeno nata e dunque perchè dovrei? Non mi porto quindi addosso nessun senso di colpa, ma sarei un’infame sarei, ora si, responsabile anche io se accettassi supinamente l’odio che questo guitto da quattro soldi va vomitando in giro orami da troppo tempo.

Non chiedo scusa per colpe non mie, ma proprio per questo rifiuto con tutta me stessa di avallare tacendo le infami provocazioni e l’ osceno uso della Shoah fatto dal il “signor” (ancora ironico) Grillo e invito ogni persona che abbia in se un sia pur minimo segno di umana decenza a fare altrettanto.

Se volete capire meglio potete leggere qui io non posso proprio ribloggare: riscrivere la spazzatura che Grillo spaccia per politica mi brucerebbe le mani.

Ahimè povera Italia, io la conoscevo bene.

Leggo e semplicemente inorridisco.

Si, perchè che altro si può fare se non inorridire leggendo che quello che a tutti gli effetti è un pregiudicato salirà al Colle per le consultazioni e, per giunta, pensa di “parlare con il Presidente da pari a pari” ?

Un pregiudicato? Davvero siamo ridotti così male? Davvero pensa di potersi confrontare da pari a pari col Presidente della Repubblica?

E il peggio è che glielo lasceranno fare!

Scusate, devo scappare, ho un improvviso attacco di vomito e non vorrei farlo sulla tastiera, anche se quella almeno potrei pulirla, l’Italia invece a quanto pare è impossibile… pulirla (o ripulirla se preferite).

Mo basta, Grillo mi ha proprio rotto i…

Dire che Grillo mi ha rotto  (per dirla alla Montalbano)  i cabbasisi è ancora poco, anzi pochissimo.

Mi ha rotto per tanti, tantissimi motivi: in prmis urla troppo e chi urla ha torto anche se, in ipotesi, avesse ragione; poi non ha la più pallida idea di cosa voglia dire democrazia (gravissimo questo), aggiungiamo che tutto quello che dice e/o fa è motivato solo da rabbia, ira e rancore che tenta di mascherare da “amor patrio” (vergognoso!) e per finire è chiaro a chiunque voglia vederlo che, a parte la voglia (dichiarata) di sfasciare tutto- che già questo la dice lunga- è pure un ipocrita incorente e di corta memoria!

Ora sta, come sua abitudine urlando a squarcia gola contro il Presidente della Repubblica per aver il ruolo svolto da Napolitano nella nascita del governo Monti. Dio mi guardi dal negare a qualcuno, chiunque sia, il diritto di esprimere le proprie opinioni, ma banedett’uomo facesse meno lo sforzo di ricordarsi quello che in quella “torrida” estate di due anni fa egli scrisse/chiese/pretese, vale a dire l’intervento del Presidente per sostituire l’allora presidente del consiglio (leggi: Berlusconi) e sostituirlo con (sono parole di Grillo) “Una figura di profilo istituzionale, non legata ai partiti, con un l’unico mandato di evitare la catastrofe economica e di incidere sulla carne viva degli sprechi”.

Faccia almeno lo sforzo questo “signore” di ricore la lettera che il 30 luglio 2011 pubblicò sul suo blog indirizzata al Presidente Napolitano (la riporto più sotto) dopodichè faccia il sacrosanto piacere di tacere e smettere di rompere, che l’Italia ha tanti gravi problemi da risolvere, troppi perchè il parlamento sia costretto a sprecare il suo tempo sulle estemporane iniziative di Grillo e compagnia.

Ma già, gente come Grillo non sa nemmeno dove stia di casa la decenza per cui continueremo ad essere costretti ad assistere alle vergognose gazzarre che i parlamentari del M5S inscenano in parlamento,  alle urla, alla voglia di sfascio ed alle sceneggiate da povero guitto di Grillo, alle sue lapalissiane menzogne (e chi più ne ha più ne metta) per, purtroppo, chi sa quanto tempo.

Ma perchè dobbiamo essere afflitti da simili personaggi? Che bello sarebbe se, per una volta, fossimo capaci di “basta!” e mettere un punto fermo!!!

la lettera di Grillo la trovate qui sotto

Continua a leggere

Finalmente!!!

Si, finalmente! Finalmente Berlusconi è fuori… ed era ora!!!

Ovviamente la cosa sembra non toccarlo (vi aspettavate forse qualcosa di diverso?) e non per la prima volta mi chiedo se “ci è o ci fa” e, a dirla tutta, mi fa pure un po’ pena nella sua piccolezza: ancora una volta dimostra -ove mai ce ne fosse ancora bisogno- non solo di non aver capito nulla, ma anche , e sopratutto, di che pasta sia fatto… ed è una pasta brutta, mal fatta, per non dire… ridicola.

Si, perche il suo assurdo e delirante discorso post voto è stato delirante e assurdo.

Ma lasciamo perdere, non è il momento questo, è piuttosto il momento di tirar fuori un buon vino e brindare, non tanto a “quel signore” fuori dal senato, quanto (per una volta) alla volontà (o almeno così pare anche se forse mi illudo) di fare le cosa come vanno fatte.

Berlusconi è fuori dal senato e, sperando non sia solo una parentesi provvisoria, mi sento di tirare un grosso respiro di sollievo.

Ora vediamo di rovinare di nuovo le cose: ci siamo liberati di qualcuno che ha solo reso l’Italia ridicola davanti al mondo, facciamo in modo che, se possibile, non torni a succedere e godiamoci il momento.