Ancora e sempre loro

Rivolgo al signor Di Battista il caldo e sentito invito a riflettere prima di aprir la bocca per insultare gli italiani: “ricoglionito” (mi scuso per il termine, ma lo sto citando) sarà lui.

I Cinque Stelle andranno al governo? «Io non lo so, perché gli italiani li vedo molto rincoglioniti». Alessandro Di Battista è all’Embraco…

da La Stampa

Annunci

Loro sarebbero quelli “puri”

Roma, 19-01-2018
Grillo, Di Maio e compagnia vanno al Viminale a depositare il nuovo simbolo e… lasciano (per più di un’ora) il veicolo parcheggiato sulle strisce pedonali proprio a lato della fermata di un bus con buona pace del regolamento stradale, dell’educazione e del civismo.

Ma naturalmente diranno che è una fake news.

Votare gente così?
Ma nemmeno morta!!!

Avviso per non farsi fregare: gli italiani Non eleggono il presidente del consiglio!!!

In questi ultimi giorni leggo le palesi menzogne che grillini e leghisti propagano come fossero “verità rivelate” circa il  “l’ennesimo presidente del consiglio non eletto dal popolo”… e, purtroppo, leggo pure di quanti abboccano (sigh) e subito mi viene in mente solo la prima regola del mago, vale a dire :

La gente è stupida.

Chi blatera di “presidente del consiglio non eletto dal popolo” lo fa a suo esclusivo vantaggio sapendo scientemente di mentire, per favore, vediamo di non abboccare; ricordiamoci che noi (gli italiani) non ( e ribadisco non) eleggiamo il Presidente del Consiglio, ma solo i nostri diretti rappresentati (vale a dire: onorevoli e senatori) i quali, a loro volta, danno o meno la fiducia al Governo formato dal Presidente del Consiglio… scelto dal Presidente della Repubblica come vuole la Costituzione.

Da che in Italia esiste la repubblica è sempre stato così, ne potrebbe essere diversamente, e chi dice il contrario mente sapendo di mentire: non facciamoci ingannare!!!

 

 

 

Charlie Hebdo… sinceramente mi fa schifo!

Mi è spiaciuto, e mi spiace tutt’oggi, per i morti di Charlie Ebdo. Mi è spiaciuto, e mi spiace tutt’oggi, perchè nessuno ha il diritto di uccidere per forti che siano le sue convinzioni, per grande che possa essere il disaccordo.

Mi è spiaciuto, e mi spiace tutt’oggi, per quei morti… ma non per la rivista in se!

Ho sempre considerato, e continuo a considerare, Charlie Hebdo una cosa indegna, riviste (o giornali, TV, Radio e/o quant’altro) come quella non meritano di esistere e se chiudesse (e sinceramente non me ne può fregar de meno di chi avesse a ridire) festeggerei.

Si, festeggerei perchè se è vero che nessuno ha il diritto di uccidere chi non la pensa, sente, crede come lui o lei è altrettanto vero che nessuno ha il diritto, meno che meno nascondendosi dietro la copertura di “testata giornalistica presuntamente ironica” di irridere la fede altrui, di insultare, di giocare coi sentimenti.

I giornalisti (ammesso che lo siano) di Charlie Hebdo sanno solo insultare e irridere tutto quello che di buono esiste, sono solo (e ripeto non me ne frega nulla se c’è chi non è daccordo) brutta gente, piena di invidia, rabbia e rancore e l’hanno dimostrato ancora una volta.

Dopo l’ignobile, per non dire blasfema, copertina dell’ultimo numero ecco una bella vignetta

Aylan_secondo_CH

Si dicono giornalisti, ma sono solo bestie e, sinceramente mi fanno schifo!!!

Un brindisi al Professore.

Appuntamento importante per chi ama Tolkien: il 3 Gennaio dell’ormai lontanissimo 1892 nasceva a Bloemfontein, Sud Africa, quello che sarebbe diventato l’autore di una delle opere più amate (e più vendute) al mondo: J.R.R. Tolkien.
Per celebrarlo è consuetudine alle 21 di ogni 3 gennaio fare un brindisi (ovunque ci si trovi e con qualunque tipo di bibita) “al Professore”.

Chi ama e apprezza Tolkien non si scordi dunque questa sera alle 21 di alzarsi in piedi e bindare con la semplice formula “al Professore.

4-Tolkien-in-Assisi

E torno a voi al mutare della marea…

… come direbbe Gandalf anche se, in realtà, il blog nel frattempo è andato avanti altrove ( unmate amargo ) e qui era solo diventato “privato” , in altre parole: non sono mai realmente andata via, sono solo cambiate alcune cose che mi spingono ora, e dopo attenta considerazione, a tornare visibile anche qui.

Resta da decidere se d’ora in avanti alternerò la scrittura dei contenuti un po’ qua e un po’ la o se farò una “scrittura” in doppio” anche se credo che alla fine dipenderà dal momento.

Chi fosse eventualmente interessato a leggere quel che ho scritto nel frattempo (ma ne dubito: chi voleva continuare a seguirmi l’ha fatto anche sul Altervita) può dare un’occhiata cliccando sul link più in alto.

E visto che siamo in dicembre

natcasalbonecosneve

 

 

Il mondo sembra essersi dimenticato che esisto… e dovrei essere io a preoccuparmi di ciò che accade agli altri?

Una foglia nell’acqua non sa, ne le interessa se è sola o alte foglie l’accompagnano e ancor meno le importa di dove finirà.

foglie_nell_acqua